Fucile Sub Arbalete C4 Mr. Carbon SHAFT SLIDER ( 61 - 79 - 94 - 104 - 119 )

Neu

Nuovo C4 Mister Carbon Shaft Slider è pragmatico, lo guardi e te ne convinci. Un badare al sodo senza fronzoli, l'essenzialità della tecnica in una tecnologia d'avanguardia. Un design facile da comprendere fatto di forme che ti dicono sub

Mehr Infos

Sammeln Sie mit dem Kauf dieses Produktes bis zu 52 Treuepunkte. Ihr Warenkorb hat insgesamt 52 Punkte die umgerechnet werden können in einen Gutschein im Wert von 10,40 €.


Mehr Infos

Possibilità di scegliere il tipo di testata tra:

- FS: Filetto singolo

- PS: Pallino Singolo

- PD: Pallino Doppio

Mr. Carbon è pragmatico, lo guardi e te ne convinci. Un badare al sodo senza fronzoli, l'essenzialità della tecnica in una tecnologia d'avanguardia. Un design facile da comprendere fatto di forme che ti dicono subito la loro destinazione d'elezione. “Andrà bene ovunque”...questo ciò che si pensa la prima volta che lo si vede nelle proprie mani e l'uso lo conferma.
Non ha nulla di forzatamente speciale, ma nulla in esso è normalità. Dalla costruzione in fibra di carbonio N.J.C ( No Joint Construction ) monoscocca 100% in carbonio Megaforce T700, all'uso del titanio fresato CNC per la meccanica, all'impugnatura regolabile, all'allestimento d'elezione monoelastico, al sistema di caricamento agevolato.
Controllare il movimento in acqua costituisce la chiave di volta per il successo della azione di caccia, che si svolge in apnea e perciò in tempi necessariamente limitati.
Perché l’azione raggiunga il suo scopo, è necessario che il pescatore in apnea riesca ad allineare alla corretta distanza, l’asta con il bersaglio. Se il fucile non viene rapidamente allineato a nulla serviranno le sue capacità balistiche.
La caratteristica principale di un buon fucile diventa quindi la versatilità, intesa come la capacità di adattarsi facilmente e rapidamente all’inevitabile e veloce variare delle situazioni di caccia.

Mr.Carbon grazie a forme che privilegiano l'handling ed al baricentro arretrato, consente un' ottimale gestione dell'allineamento al bersaglio. La sua impugnatura regolabile, disponibile in due misure, consente un adattamento ottimale alle dimensioni della propria mano.

L'impugnatura regolabile del Mr.Carbon è volutamente realizzata verticale e simmetrica in quanto questa configurazione consente di avere l’esatta sensazione di come sia allineato il fucile senza avere la necessità di guardare dove sia indirizzato.
Come accessorio opzionale, è possibile montare sul Mr.Carbon le saponette anatomiche color arancione, disponibili nelle versioni per destrosi o mancini.

La testata è un elemento indispensabile alla precisione di un un arbalete a bassi attriti come il Mr.Carbon. Essa posiziona esattamente la trazione delle gomme rispetto all’asta, consentendo precisione ed attriti ai minimi livelli possibili a tutto vantaggio della velocità dell'asta.
Le testate C4 sono piccolissime ma estremamente solide, realizzate in titanio lavorato con fresatrici CNC, di soli 6 mm di spessore e del peso di pochissimi grammi
Le testate in titanio del Mr.Carbon consentono un'ampia scelta di tipologie d'elastico con cui allestire il fucile. La scelta suggerita è per le versioni monoelastico che consentono a questo specifico fucile d'esprimere al meglio le sue caratteristiche d'efficienza.

Il grilletto in titanio aziona un meccanismo di sgancio arretrato in AISI 316 che nel tempo è diventato un riferimento per sicurezza e sensibilità.

La struttura in carbonio del Mr.Carbon non necessita di manutenzione, è stabile nel tempo e non si altera dimensionalmente.

In dettaglio le caratteristiche principali

  • esclusivo design C4 a volumi arretrati e punta sottile
  • monoscocca 100% carbonio Megaforce T700
  • stampaggio NJC ( No Joint Construction )
  • testata in titanio con elastici paralleli all'asta
  • grilletto in titanio fresato CNC
  • meccanismo arretrato in AISI 316 sensibilissimo
  • handling omogeneo
  • caricamento agevolato con perno amovibile
  • mulinello MPL 55
  • doppia impugnatura regolabile
  • per aste da 6,0 a 6,5mm
  • grande precisione e controllo dell'allineamento
  • minima manutenzione
  • grande solidità d'insieme e stabilità nel tempo
  • 100% made in Italy

Prima Allineare il Bersaglio

Avvistamento, avvicinamento, allineamento e tiro, questa la inevitabile sequenza della caccia subacquea.
Accettata la sequenza, la prima considerazione da farsi è come la cacciasub sia in buona parte una attività di movimento, il sub, i pesci, tutto è in un continuo movimento.
Controllare questi movimenti costituisce la chiave di volta per il successo della azione di caccia, che si svolge in apnea e perciò a tempi limitati.
Perché l’azione raggiunga il suo scopo, è necessario che il sub riesca ad allineare alla corretta distanza, l’asta con il bersaglio.
Se il fucile non è allineato a nulla serviranno perciò tutte le sue capacità balistiche.
La caratteristica principale di un buon fucile diventa quindi la versatilità, intesa come la capacità di adattarsi facilmente e rapidamente all’inevitabile e veloce variare delle situazioni della caccia.
Durante l’immersione il sub ha difficoltà nel muoversi perchè è immerso in un fluido che non gli consente un posizionamento preciso e stabile. “Fluttua” più o meno ampiamente nell’ambiente in cui si trova, eseguendo dei movimenti parzialmente controllati, dipendenti in buona arte dalle sue capacità e dalla maneggevolezza delle attrezzature.
Il movimento del sub è parzialmente controllato perché il fluido in cui il sub è immerso non è affatto stabile né fermo onde e correnti marine complicano tutti i movimenti. L’intensità di questi fenomeni naturali, può arrivare ad un tale livello da rendere impraticabile l’immersione.
Questo è quindi un fattore di grande rilevanza.
Anche i bersagli, i pesci difficilmente sono fermi. Quando lo sembrano sono in realtà in una fase transitoria che normalmente si interrompe rapidamente con un movimento di pinna.
Per riuscire a gestire al meglio queste inevitabili situazioni e raggiungere l’ultima fase della sequenza di caccia, l’istante prima dell’azionamento del grilletto, è necessario che le attrezzature siano conformate alle esigenze dell’uomo, consentendone una gestione semplice e veloce. Un’ ergonomia finalizzata allo scopo più che ad un singolo particolare.
Questo è il concetto di versatilità su cui si basa la progettazione e la costruzione degli arbalete C4, la semplice finalizzazione all’obiettivo.
L’ergonomia di un fucile subacqueo non è solo quella della impugnatura, ma deve riferirsi all’attrezzo nella sua completezza. Sarà l’attrezzo adatto all’uomo ed al suo scopo, non viceversa non deve richiedere adattamenti e/o movimenti particolari per il suo utilizzo, ma bensì semplicità e naturalezza.
Per questo i fucili C4 non hanno forme che limitino i movimenti facili ad una sola direzione ( effetto tipico ad esempio delle sezioni dei fusti a sogliola che consentono principalmente una sola direzione di movimento a discapito della azione di caccia in più direzioni ).
Muovere fucili dalle sezioni importanti e perciò di limitata maneggevolezza oltre a rallentare inevitabilmente l’azione di caccia, talvolta rendendola inefficace, produce maggiori spostamenti di volume d’acqua, con l’inevitabile effetto di allarmare più facilmente i pesci.
La filosofia progettuale C4, trova la sua massima espressione nel Mr.Carbon, facile, veloce e preciso nei movimenti come nessun altro arbalete sa essere.

Energia

Un fucile subacqueo è un accumulatore di energia, che immagazzina tramite la tensione degli elastici, liberandola a comando sull’asta, con l’azionamento del grilletto.
All’atto pratico l’energia disponibile è limitata, stanti la lunghezza del fucile e la tensione degli elastici, limitata dalla forza fisica di chi li tende.
In questa situazione di energia limitata, in fase di progetto diviene imprescindibile, scegliere con oculatezza le soluzioni tecniche del fucile al fine di ridurre al minimo le inevitabili perdite di energia dovute agli attriti di movimento.
Nel Mr.Carbon la posizione degli elastici, praticamente paralleli all’asta, trasforma tutta la loro tensione in velocità dell’asta. Volutamente in fase di progetto sono state scartate soluzioni tecniche che penalizzano la velocità dell’asta, come una posizione inclinata degli elastici rispetto all’asta ciò è causa di una riduzione della forza applicata, circa il 4-5%, che si disperde in attriti nel caso vi sia un guida asta, inevitabile con gli elastici inclinati.
Gli elastici inclinati, muovendosi ad alta velocità in acqua, durante la loro contrazione, creano anche un effetto di freno idrodinamico a causa del loro ingombro frontale con ulteriore rallentamento della velocità della freccia.
Nel Mr.Carbon questi effetti negativi sono completamente assenti a tutto vantaggio delle prestazioni.
La dimensione o volume degli elastici previsti per il Mr.Carbon è quella necessaria ed utile al tiro, ciò avviene grazie alla presenza della testata sul fucile che ne razionalizza l’utilizzo.
Soluzioni che presentino elastici di tipo circolare non incrementano a priori le prestazioni del fucile, non è serenamente pensabile che una porzione di essi sottoposta a forte trazione e schiacciata, a causa della trazione, su parte del fucile ( con alto coefficiente d’attrito tra le parti ) possa, una volta liberata, contrarsi e scorrere incrementando la velocità della parte di elastici libera collegata all’asta.
La gomma degli elastici non produce energia, la accumula, essa deve essere tesa per sfruttare al meglio possibile le caratteristiche proprie del materiale e quindi le sue possibilità di deformazione.
Perciò non sarà il maggiore volume della gomma tesa ad incrementare le prestazioni. L’energia disponibile sarà quella che abbiamo fornito caricando, ovvero funzione della lunghezza del fucile ( corsa utile ) e dei chilogrammi di precarica.
Una accurata scelta della mescola e diametro degli elastici, porterà ad utilizzare elastici il più corti possibile, compatibilmente con l’allungamento del materiale, con vantaggi per la lunghezza della corsa utile.
Nel Mr.Carbon queste dispersioni di energia sono le minime fisicamente possibili, sia per il tipo di materiale utilizzato per la costruzione, la fibra di carbonio, sia per la tecnologia di stampaggio.
Le soluzioni tecniche a maggiore assorbimento di energia ( come la combinazione guida asta ed elastico circolare inclinato ) sono completamente assenti sul Mr.Carbon con effetti di precisione e prestazioni di assoluto rilievo, come ripetuti test indipendenti condotti direttamente in pubblico da appassionati hanno dimostrato.
(vedi: http://www.bluworld.com/c4zone/mrcarbonfoto.htm )

Struttura Monoscocca

monoscocca = dicesi monoscocca una struttura a geometria complessa, variamente sollecitata, adempiente a più funzioni, caratterizzata dal fatto d'essere costituita da un' unica porzione a guscio sottile senza soluzione di continuità.

scocca = dicesi scocca una struttura a geometria complessa, variamente sollecitata, adempiente a più funzioni, caratterizzata dal fatto d'essere costituita da più porzioni a guscio sottile indissolubilmente collegate tra loro.

Nel Mr.Carbon il concetto progettuale di forma-funzione, si sviluppa nella sua essenzialità, sino ad ottenere un moderno oggetto di design industriale, evidenziato dal sapiente uso di materiali tecnologici ricercati, quali la fibra di carbonio ed il titanio.
L’ossatura principale del fucile Mr.Carbon è la sua struttura monoscocca, un pezzo unico, cavo e senza giunzioni, realizzata senza compromessi, utilizzando il materiale da costruzione più leggero e più robusto che l'uomo conosca, il composito di fibre di cabonio e resine epoxy.
Questo materiale, usato da C4 nella sua piena completezza per la realizzazione della struttura del Mr.Carbon, lavorato totalmente a mano da personale altamente qualificato, polimerizzato a 120°C di temperatura per 8 atm di pressione , consente la costruzione di una unica struttura cava adempiente a più funzioni e perciò tecnicamente definibile monoscocca, priva di evidenti flessioni, con giochi di montaggio completamente assenti, a tutto vantaggio del rendimento balistico.
La struttura in carbonio così realizzata, è completamente inerte, non necessita di manutenzione, è stabile nel tempo e non si altera dimensionalmente.
La scocca unica del Mr.Carbon è ricavata per laminazione manuale, il solo procedimento possibile con i compositi avanzati, in stampi di metallo realizzati con fresatrici a controllo numerico ( CNC ) con tolleranze ridottissime, dell’ordine di qualche centesimo di millimetro.
Gli stampati in carbonio, per loro caratteristica propria, hanno ritiri lineari di stampaggio praticamente nulli, ciò permette d’avere precisioni di costruzione delle scocche praticamente pari alla tolleranza di costruzione degli stampi, ovvero pochissimi centesimi di millimetro.
L’estrema precisione di costruzione del Mr.Carbon ha come effetto la massima precisione del tiro, ove la tolleranza dimensionale della freccia diviene la sola responsabile della traettoria.

Impugnatura

La presa della mano è fondamentale per la migliore gestione del fucile, ma essa non deve essere la più salda in assoluto, non è questo lo scopo, bensì la più salda compatibilmente alle esigenze di caccia che obbligano al tiro in molteplici posizioni del fucile.
L’impugnatura brevettata del Mr.Carbon è costituita da due elementi, uno fisso anteriore ricavato direttamente dalla stampata monoscocca del fucile e l’altra, una saponetta posteriore mobile, posizionata tramite due viti che opportuni spessori pongono alla distanza desiderata, secondo la dimensione della mano.
E’ così possibile un eccellente adattamento della dimensione della impugnatura alla nostra mano, allo spessore dei guanti estivi ed invernali. E’ possibile anche variare leggermente l’ inclinazione dell’ impugnatura stessa, usando un differente numero di spessori su ognuna delle due viti che bloccano la parte mobile.
Un’ ulteriore possibilità di personalizzazione dell’ impugnatura del Mr.Carbon è data dalla disponibilità, per ogni fucile, di due elementi mobili posteriori, uno piccolo che riporta la presa alle dimensioni standard del fucile Monoscocca, adatto alla massima maneggevolezza ed un altro più grande per un migliore appoggio del palmo durante il tiro.
La parte posteriore mobile è corredata da quattro anelli in gomma che ne aumentano il grip consentendo grazie al loro colore bianco, un facile avvistamento quando si sia dovuto abbandonare il fucile sul fondo.
La presa della mano sui fucili C4 è volutamente realizzata verticale e simmetrica in quanto questa configurazione consente di avere l’esatta sensazione di come sia allineato il fucile senza avere la necessità di guardare dove sia indirizzato.
Ciò semplifica l’azione di caccia ampliando le condizioni di utilizzo della impugnatura, non vincolata a posizioni limitate della mano come, ad esempio, succede con impugnature che ripetano il calco della mano stessa.
La versatilità è la caratteristica primaria di un buon fucile e l’impugnatura del Mr.Carbon ne è fedele interprete, eccellente presa senza limitare i movimenti.

Stabilità e Brandeggio

La stabilità su di un fucile subacqueo è fondamentale per garantire la necessaria precisione durante il tiro. Da sempre C4 ha scelto di ridurre le forze agenti che possono causare imprecisioni, perciò su tutti i fucili C4 la posizione dell'asta rispetto alla mano che impugna il calcio, è stata volutamente ridotta a soli 9mm, circa la metà di un tradizionale arbalete, questo consente una mira rapida, intuitiva e precisa con un ridotto effetto di rotazione verso l'alto, dovuto al rinculo del fucile in quanto il braccio di leva che agisce creando questa rotazione, viene così ad essere dimezzato rispetto ai fucili tradizionali.
Un braccio di leva dimezzato causa un rinculo ridotto alla metà di un fucile avente quantità di energia corrispondente, nel Mr.Carbon un sapiente gioco di forme, pesi e distribuzione degli sforzi ha annullato ( in un allestimento monogomma ) gli effetti del rinculo con benefici effetti sulla precisione.
La precisione nel tiro dipenderà in buona parte dall’assetto che conferiamo al fucile. Un fucile leggero in punta, ad assetto neutro o galleggiante causerà un inevitabile innalzamento della traettoria dell’asta per effetto della sua rotazione verso l’alto durante il tiro causata dalla rotazione del fucile dovuta al rinculo.
Questa rotazione può essere ridotta da una massa rilevante del fucile nella zona della testata o da una opportuna disposizione delle forze in gioco.
Questa ultima soluzione è quella che C4 ha adottato su Mr.Carbon, ottenendo una eccellente precisione senza penalizzare il brandeggio del fucile con inutili masse.
La sagoma del fusto nella parte terminale del Mr.Carbon è estremamente sottile, essa non adotta forme atte a scongiurare la rotazione verso l’alto, questo perché per la stabilità e conseguente precisione di tiro è inutile ed assurdo avere un sistema di freno idrodinamico.
Un freno idrodinamico infatti funziona solo e soltanto in movimento. Se si ha movimento anche minimo della punta del fucile, la freccia devierà la traiettoria ed a metri di distanza finirà fuori bersaglio, esattamente il contrario di ciò che il sistema si proporrebbe di scongiurare.
E’ quindi elementare comprendere che tali sistemi non producano l’effetto promesso, viceversa limitano i movimenti di allineamento del fucile al bersaglio rendendone problematica la gestione.

Testata

La testata è un elemento indispensabile alla precisione di un un arbalete a bassi attriti come il Mr.Carbon. Posiziona esattamente la trazione delle gomme rispetto all’asta, consentendo precisione ed eliminazione degli attriti ai massimi livelli.
Le testate C4 sono piccolissime ed estremamente solide, realizzate in titanio lavorato con macchine utensili CNC, di soli 6 mm di spessore e del peso di pochissimi grammi.
Le versioni disponibili sono quattro: la prima per elastici singola coppia con bussole filettate 14x1 ( FS ), la seconda per elastici singola coppia a metraggio da fissare tramite legacci ( PS ), la terza per elastici con bussole filettate 14x1 doppia coppia ( FD ) la quarta per elastici a metraggio doppia coppia ( PD ).
Su alcune testate è presente un ponticello amovibile, nel caso si vogliano utilizzare aste con pinnette riportate particolarmente alte.
Per tutte le testate si possono reperire in commercio moltissimi tipi di gomme con cui allestire il fucile, praticamente tutti i diametri e mescole che si possano desiderare. E’ quindi possibile ricercare le migliori caratteristiche balistiche per il proprio tipo di pesca o secondo le preferenze personali.

Grilletto – Meccanismo di Aggancio / Sgancio

Il congegno di aggancio/sgancio dell’asta è realizzato in acciaio inox AISI 316 ed il grilletto in titanio è ricavato dal pieno mediante lavorazione con macchine utensili CNC per la massima precisione, robustezza ed affidabilità.
La lavorazione CNC del grilletto e la precisione dei movimenti che ne consegue, nel robustissimo congegno di sgancio, consentono un azionamento estremamente morbido del grilletto.
L’aggancio dell’asta è stato progettato arretrato di circa 70 mm rispetto all’impugnatura dei fucili tradizionali.
Questa soluzione realizza un ingombro ridotto di 70 mm tra mano e testata, senza modificare le lunghezze operative dell'arbalete.
Ad esempio esplicativo nel Mr.Carbon 104 si ha un fucile con una corsa utile identica ad un corrispondente fucile lungo 104cm ( 104cm = distanza testata / seconda tacca ) ma di ingombro pari ad un 97cm ( 104 – 7 = 97cm ).
L’ingombro ridotto così ottenuto consente un netto incremento della maneggevolezza del fucile ed un suo facile allineamento al bersaglio, che resta la caratteristica primaria di un buon fucile subacqueo.
Il meccanismo di sgancio ha una molla di ritenuta del dente di aggancio dell'asta particolarmente robusta, questo impedisce lo sgancio accidentale dell'asta, a tutto vantaggio della sicurezza d'uso, senza influire sullo sgancio in acqua dovuto alla trazione delle gomme.
A secco l'operazione di sgancio dell'asta è fattibile solo esercitando in modo rettilineo la trazione sull'asta, sollevando leggermente l'asta, tentando di sganciarla a secco il meccanismo di sgancio estremamente preciso si indurisce e rende difficoltoso lo sgancio. Esercitando la forza perfettamente rettilinea, come fanno le gomme durante lo sparo, l'asta esce con ridottissimi attriti dal meccanismo che la trattiene.

Caricamento

Per agevolare il caricamento, su tutti i fucili C4 è presente un foro nel fusto ove infilare un perno volante posizionato circa 15 cm davanti alla prima tacca dell'asta. Il perno è costituito da una vite da 6x35 mm facilmente reperibile ovunque a basso costo. Per caricare Mr.Carbon con questa soluzione, si posiziona il perno, vi si agganciano le gomme, si solleva l'appoggio posteriore del fucile sullo sterno senza rilasciare le mani e si completa il caricamento alla tacca voluta. Si sfila quindi il perno ed il fucile è pronto all'uso.
Questa soluzione, esclusiva C4, consente di ridurre fortemente l’impegno necessario per caricare il fucile, consentendo l’uso ed il caricamento anche a chi abbia braccia corte e voglia utilizzare fucili lunghi.

Mulinello

Su tutti i Mr.Carbon è montato di serie il mulinello MPL55, caratterizzato da una leggera e robusta bobina in nylon rinforzato con la capacità di più di 55 mt di monofilo da 1,40 mm. Il mulinello è caratterizzato da un doppio sistema di frizione, la prima agente sulla bobina tramite un pomello di regolazione di facile presa e la seconda agente tramite una molla sagomata direttamente sulla sagola avvolta nella bobina.
Quest’ ultima frizione consente la migliore aderenza della sagola durante il ravvolgimento ed evita il formarsi di grovigli di sagola se essa viene srotolata velocemente.

Misure ed Allestimento

Mr.Carbon viene prodotto in 4 misure e fornito completo di mulinello MPL 55. Le migliori prestazioni in caccia da questo fucile si ottengono con allestimento con testate per singola coppia di elastici, in quanto Mr.Carbon in questa configurazione ha prestazioni balistiche ottime ed un brandeggio ineguagliabile, caratteristica primaria per l’efficacia della azione di caccia.
Allestimenti con testate a doppie coppie di elastici, sono fortemente penalizzanti per la maneggevolezza, esse hanno giustificazione sul Mr.Carbon solo per l’utilizzo di aste da almeno 7mm di diametro e per bersagli importanti posti a grande distanza, non raggiungibili con il fucile in altra configurazione.
Mr.Carbon viene fornito senza gomme ed asta e perciò senza essere bilanciato. La bilanciatura ottimale si ha quando, a fucile carico, la punta dell’asta tende a scendere leggermente, alla velocità di circa 4/5 cm al secondo. Aggiungendo un piccolo peso di alcuni grammi nella zona della punta del fucile si otterrà il bilanciamento adeguato al peso di gomme, asta ed alette che si saranno scelte.
I fucili Mr.Carbon, come per tutti i prodotti sottoposti alla normativa Italiana, che hanno recepito le indicazioni della Comunità Europea, sono garantiti per 2 anni.

Misure ed allestimenti consigliati

modelloastaelastici
Mr.Carbon 119 PS6,5 x 1600Superelax 17,5 x 280
Mr.Carbon 119 PS6,3 x 1600Superelax 16 x 280
   
Mr.Carbon 104 PS6,5 x 1400Superelax 17,5 x 260
Mr.Carbon 104 PS6,3 x 1400Superelax 16 x 260
   
Mr.Carbon 94 PS6,3 x 1300Superelax 17,5 x 260
Mr.Carbon 94 PS6,0 x 1300Superelax 16 x 230
   
Mr.Carbon 79 PS6,3 x 1150Superelax 16 x 200
Mr.Carbon 79 PS6,0 x 1150Superelax 16 x 210
   
Mr.Carbon 61 PS6,3 x 1000Superelax 16 x 160
Mr.Carbon 61 PS6,0 x 1000Superelax 16 x 170

Bewertungen

Eigene Bewertung verfassen

Fucile Sub Arbalete C4 Mr. Carbon SHAFT SLIDER ( 61 - 79 - 94 - 104 - 119 )

Fucile Sub Arbalete C4 Mr. Carbon SHAFT SLIDER ( 61 - 79 - 94 - 104 - 119 )

Nuovo C4 Mister Carbon Shaft Slider è pragmatico, lo guardi e te ne convinci. Un badare al sodo senza fronzoli, l'essenzialità della tecnica in una tecnologia d'avanguardia. Un design facile da comprendere fatto di forme che ti dicono sub

Eigene Bewertung verfassen

30 andere Produkte der gleichen Kategorie:

Benutzeranpassung

Denken Sie daran, den Artikel nach Speichern der Anpassung auch in den Warenkorb zu legen.
Akzeptierte Formate: GIF, JPG, PNG

Bilder

loader

* Pflichtfelder